“La Speleologia come strumento di ricerca e tutela dell’acqua” – com’è andata…

Lo scorso 22 aprile si è svolto l’incontro “La Speleologia come strumento di ricerca e tutela dell’acqua” organizzato da Uniacque Spa, Federazione Speleologica Lombarda e co-organizzato da Ordine dei Geologi Lombardi e Associazione Sebynica, con il patrocinio di Provincia di BergamoWater AllianceRegione LombardiaSocietà Speleologica Italiana e Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico.

IMG_1346

Foto A. Ferrario

L’evento è stato condotto da Massimo Pozzo di Associazione Sebynica e hanno presenziato quasi 200 partecipanti, principalmente speleologi e geologi.

L’apertura è stata fatta dal Presidente Uniacque Paolo Franco e dall’Assessore regionale dell’Ambiente Claudia Terzi che, senza troppi giri di parole, si sono spesi favorevolmente per una Legge Regionale sulla Speleologia, un inizio interessante! Poi si è proseguito con una mattinata intensa ma interessante con le presentazioni di Giovanni Badino (con un intervento che ha incuriosito tutti sulla sorgente Pliniana di Torno), Bartolomeo Vigna e Luca Zini, dove si è marcato chiaramente il ruolo utile degli speleologi quando si impegnano in attività che hanno un’efficacia per la collettività, giustificando anche possibili contributi esterni per le nostre ricerche.

Dopo un ottimo e abbondante buffet, abbiamo ripreso i lavori con lo studio dell’Università di Milano del Prof. Giovanni Beretta sulla sorgente Nossana. Hanno poi proseguito Andrea Ferrario e Paola Tognini, illustrando il carsismo lombardo e gli ultimi progetti realizzati, ribadendo l’importanza di una Legge Regionale. Alessandro Uggeri ha fatto una panoramica dei tracciamenti realizzati e da lui seguiti; infine Franco Ravanelli e Claudio Forcella hanno presentato il Progetto Forgnone, fresco di stesura e finanziato da Uniacque con una Borsa di Ricerca, con una bella carrellata delle immagini realizzate da Luana Aimar che hanno lasciato i presenti a bocca aperta.

IMG_1362

Foto A. Ferrario

L’incontro è stato positivo perché ha permesso di far conoscere l’utilità della Speleologia nei confronti dei geologi, ma anche delle società che si occupano di gestione delle acque. In sintesi direi che è stata una bella giornata in cui come speleologi abbiamo mostrato il meglio di noi, senza rinunciare a ragionamenti critici ma costruttivi sulle nostre capacità e possibilità come Speleologi, supportati dalle riflessioni preziose di Giovanni Badino.

Da non dimenticare RepettoSbrasaGaibanaLiod che hanno animato con tecnica e colore l’allestimento di un ministand materiali e la IX Zona Speleologica del CNSAS che hanno arricchito l’evento, quasi fosse un mini raduno.

In chiusura, Uniacque ci ha invitato a presenziare al prossimo tavolo della Water Alliance. Certamente abbiamo aperto una strada nuova verso una Legge Regionale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...